Archivi categoria: Rubinetteria

Miscelatori rompigetto, risparmiare con l’acqua

Ebbene sì, la scelta dei miscelatori costituisce il primo passo verso il risparmio energetico di acqua e luce. 

Oggigiorno le aziende specializzate nella produzione di rubinetteria, propongono svariati modelli di miscelatori per lavabo bagno che uniscono al concetto di design, quello di efficienza legata al risparmio energetico.

In questo articolo andremo ad approfondire le caratteristiche del rompigetto aeratore, dove si applica, come si inserisce e che tipo di manutenzione richiede, infine, valuteremo i prezzi per una scelta consapevole.

rompoigetto disegno

Sappiamo bene che l’estetica gioca un ruolo di primo piano quando si pensa di inserire nell’ambiente bagno una rubinetteria elegante, pratica e in perfetta coordinazione con lo stile che è stato conferito alla sala da bagno ma, occorre pensare anche ad optare per miscelatori intelligenti.

Il miscelatore intelligente è stato ideato per un consumo controllato dell’acqua ed è realizzato con valvole speciali che ne regolano il flusso, allo scopo di ridurre i consumi senza rinunciare al comfort di un flusso abbondante e ben bilanciato.

Il miscelatore rompigetto presenta delle caratteristiche importanti. In primis è integrato al rubinetto del lavabo, quindi praticamente invisibile, quindi si tratta di una sorta di valvola che miscela aria e acqua, senza influire sulla pressione e i consumi sono ridotti di circa la metà!

Quindi, ragionando in questi termini, non soltanto si risparmia acqua preziosa ma, si usa anche meno energia per riscaldarla. Da questo miscelatore rompi getto possiamo trarre ben due vantaggi contemporaneamente: un lato positivo dal punto di vista economico e, un vantaggio importante per l’ecologia e l’ambiente. Possiamo affermare che la tecnologia del miscelatore rompi getto è sia intelligente, sia eco-sostenibile!

Come tutte le valvole e i componenti di rubinetteria, anche il miscelatore rompigetto necessita un minimo di manutenzione se si vogliono mantenere sempre bassi i consumi e, soprattutto, il miscelatore sempre efficiente e funzionante. Il miscelatore rompigetto non è altro che una valvola che potete acquistare in tutti i rivenditori di componenti idraulici e si posiziona, mediante apposita avvitatura, nell’uscita del rubinetto stesso. Bastano pochi gesti per inserirlo e chiunque si intenda un po’ di fai-da-te può provare a metterlo.

Il miscelatore rompigetto o frangigetto, è uno strumento davvero economico ma che permette di risparmiare realmente tanto, aumentando il vostro confort del lavaggio.

Se osserviamo attentamente il rompi getto, vediamo che si compone di una sorta di dado filettato per agevolarne l’avvitatura alla bocca del rubinetto e, dall’altro lato troviamo una fitta e leggera rete da cui l’acqua viene filtrata.

È davvero importante mantenere sempre pulito questo piccolo ma prezioso componente perché è soggetto a riempirsi di calcare, sabbia, terra e altri frammenti che possono circolare nelle tubature. Per una pulizia ideale bastano pochi gesti. Occorre semplicemente smontare il rompi getto avvalendosi dell’avvitatura e, metterlo in ammollo con del prodotto anti-calcare per una mezz’ora, quindi strofinatelo con un vecchio spazzolino per assicurarvi che tutti i fori siano liberi da calcare. Successivamente basterà rimontarlo con cura e procedere a questo tipo di manutenzione una volta al mese. Se non riuscite a svitare il rompigettto a mani nude, aiutatevi con delle pinze da idraulico oppure con un panno.

ropigetto funzionamento

Vogliamo precisare che la larghezza del dado rompigetto non è universale ma occorre misurare la bocca del miscelatore e chiedere al vostro rivenditore di fiducia che saprà consigliarvi il modello ideale per il vostro miscelatore.

Sarebbe utile, per massimizzare il risparmio, pensare di installare un componente rompigetto in ciascun rubinetto della casa. Questa operazione consentirebbe un risparmio annuale di circa il 30% dei consumi senza dispositivi di filtraggio dell’acqua.

Inoltre, se pensate che installare un rompigetto su un rubinetto ha un costo davvero irrisorio, il vantaggio è massimo! In base ai modelli, il prezzo di un aeratore rompigetto per miscelatore variano da 1,50 euro sino a cifre più elevate ma sempre contenute, intorno alle 15 euro.

Tutto dipende dalle dimensioni, dal materiale e dalle caratteristiche che lo stesso rompigetto possiede.

Come per gli altri accessori bagno, anche il rompigetto è un oggetto che va abbinato allo stile del miscelatore, al materiale e, al colore. Per questo motivo, oggi in commercio trovate anche i modelli di rompigetto cromati affinché tutto sia coordinato esteticamente allo stile del vostro ambiente-bagno.

Oggi, diverse aziende hanno inserito questo comodo strumento all’interno di un kit a risparmio idrico, in cui trovate diversi modelli di riduttori di flusso e valvole rompigetto  non soltanto per il lavabo ma, anche riduttori di flusso per doccia!

Riassumendo le funzioni e i benefici che possiamo trarre dall’installazione di un rompigetto aeratore, possiamo affermare che permette un’ottimale diffusione dell’acqua a portate ridotte, è raccomandato per l’applicazione di rubinetteria per bagni pubblici in serie (bagni pubblici esposti con elevato passaggio di utenti), agevola la compensazione della pressione per un flusso costante da 0.8 a 6 bar, facilita l’alimentazione uniforme di acqua per tutte le uscite, è getto privo di schizzi perché il flusso è controllato, il filtro anti-intasamento integrato filtra i sedimenti e le particelle e il mono-inserto virtualmente infrangibile garantisce una maggiore durata di servizio.

Assicuratevi che i materiali utilizzati per realizzare il rompigettto aeratore siano idonei per il contatto con acqua potabile per il consumo umano.

Ultimo piccolo accorgimento: fate attenzione a non confondere questi inserti con gli aeratori standard che hanno la funzione di filtro, i quali non riducono i consumi ma svolgono il semplice compito di filtrare l’acqua.

miscelatore rompigetto

Bastano pochi e semplici gesti per salvaguardare l’ambiente e la nostra bolletta, è sufficiente controllare i consumi e valutare qualche piccolo accorgimento. Le buone pratiche ambientali si attuano già a partire dalla vita quotidiana e la scelta di avvalersi di tecnologie e supporti che consentono un maggiore risparmio delle risorse naturali è un modo per migliorare la propria qualità di vita.

Altri semplici gesti che aiutano l’ambiente sono: preferire la doccia al bagno, fare attenzione allo scarico del WC, verificare periodicamente il funzionamento degli impianti domestici e inserire riduttori di flusso in rubinetti e docce perché è possibile risparmiare fino al 40% dell’acqua che i sanitari utilizzano. Il riduttore di flusso è uno strumento piccolo ma che può fare tanto per le nostre tasche e per l’ambiente!

Il sistema doccia completo: caratteristiche e componenti

Quali peculiarità ed elementi deve possedere un sistema doccia per definirsi completo ed assicurare il comfort del fruitore? Come orientarsi nella scelta di un sistema doccia le cui caratteristiche siano davvero soddisfacenti? Seguite attentamente i nostri suggerimenti per un acquisto ragionato e di sicuro successo!

La linea di sistemi doccia che trovate oggi sul mercato, prodotti da diverse aziende nazionali ed internazionali sono studiati per offrire il massimo comfort durante i minuti dedicati al vostro relax sotto la doccia.

Ciascuno di noi esige sempre il massimo, soprattutto in termini di comodità e funzionalità! Oggi vi illustreremo i componenti essenziali del sistema doccia che vi garantiranno il massimo del comfort sotto la doccia, al fine di provare un’esperienza doccia insuperabile!

Esiste una struttura doccia perfetta? Ebbene sì! Esiste un sistema doccia perfetto, quello composto da elementi che uniti all’esperienza tecnologica dell’azienda produttrice vi offrono la completa soddisfazione ogni volta che pensate di dedicare un prezioso momento della vostra giornata alla doccia.

In primis, ciò che rende davvero confortevole la vostra esperienza di relax e pulizia è la regolazione intuitiva del getto d’acqua. Affidatevi, quindi a delle aziende che hanno sviluppato sistemi di regolazione dei miscelatori che assicurano una distribuzione bilanciata dell’acqua per ogni singolo erogatore doccia.

download

Inoltre, un elemento da cui ciascun sistema doccia non può prescindere è l’installazione di  termostatici che beneficiano inoltre della tecnologia più avanzate per garantire massima sicurezza e completo confort.
spesso, legato al consumo dell’acqua si associa l’idea di risparmio e di ecologia, oggi è possibile regolare anche questo, affidandosi a delle aziende che hanno mostrato una spiccata sensibilità nella progettazione di pulsanti ecologici che, inseriti nel sistema doccia, riducono il flusso fino al 50%. Molti dei sistemi doccia presenti sul mercato hanno manopole e docce a parete con tecnologia risparmia acqua integrata. Questa limita il flusso d’acqua a 9,4 litri al minuto.

La scelta del giusto sistema doccia migliora il vostro ambiente-bagno e, qualunque siano le vostre preferenze di design, i requisiti di installazione e il budget che avete pensato di destinare all’impianto doccia, sappiate che le aziende presenti oggi sul mercato nazionale ed internazionale offrono soluzioni i cui sistemi doccia incontrano le esigenze più personali.

Se state pensando di ristrutturare il vostro bagno, oppure gli scarichi del vostro ambiente sono pre-determinati e non avete la possibilità di spostarli, non c’è alcun problema perché esistono modelli termostatici e deviatori che incontrano i vostri requisiti di installazione.

Orientatevi, dunque, verso la scelta di Sistemi doccia con la possibilità di scegliere tra due taglie di soffioni doccia (210 mm e 440 mm di diametro). Inoltre, il braccio è disponibile in due lunghezze: 390 mm e 450 mm e può essere ruotato di 180 gradi per comodità. La gamma di sistemi doccia è in continua espansione.
Le ultime novità introdotte sul mercato includono: Sistemi doccia con soffioncini, per una completa esperienza di idroterapia; Sistemi doccia con beccuccio per bagno, per fare la doccia nella vasca e il pacchetto doccia completo.

 La scelta di trasformare il vostro rituale doccia quotidiano con un sistema doccia all’avanguardia e tecnologicamente intelligente spetta sol a voi! I tre elementi essenziali per una grande doccia: la doccia centrale, la presenza della manopola e un miscelatore termostatico o una valvola divertore; quest’ultimo  vi permetterà di cambiare il tipo di doccia assecondando le vostre preferenze.

Trovare il sistema doccia perfetto per voi è davvero un gioco da ragazzi! I sistemi sono progettato per garantire a voi e alla vostra famiglia di provare l’esperienza di una doccia lussuosa con una manopola e una doccia centrale e, di migliorare la doccia che hai già senza l’inconveniente di dover rinnovare completamente il vostro bagno!

Sistemi doccia termostatici: per sicurezza e confort

I sistemi doccia con miscelatori termostatici sono caratterizzati da diverse tecnologie leader nell’industria per la vostra sicurezza e il vostro confort. Il ruolo del termostato all’avanguardia è molto importante, esso garantisce, infatti, che la temperatura della vostra doccia rimanga costante, in modo da non farla diventare improvvisamente gelata o pericolosamente calda. Inoltre, esso bloccherà anche il sistema doccia in caso ci sia un guasto nell’erogazione di acqua fredda.

images (1)

Un sistema doccia con manopole touch evita che il corpo del miscelatore termostatico diventi più caldo dell’acqua della vostra doccia: in questo modo, non c’è pericolo di scottarsi a causa di una superficie cromata bollente. Sarà, quindi necessario premere un bottone di arresto sul corpo del miscelatore termostatico per portare la temperatura dell’acqua oltre i 38º Celsius.

Affidatevi alla qualità di un’azienda che vi garantisca una doccia lussuosa, tutti i giorni! Un sistema doccia che si possa definire alla’avanguardia  unisce tecnologie leader a materiali di qualità e design premiato, per portare l’esperienza della doccia perfetta ogni giorno.

Accurati test sulle performance vengono effettuati dai laboratori aziendali per assicurare che i sistemi doccia siano affidabili, durevoli e vadano oltre le aspettative dei clienti.

Il miscelatore termostatico è una parte essenziale di una doccia ben progettata. Sicuro, comodo ed economico, garantisce il massimo piacere durante la doccia proteggendo dal rischio di scottature accidentali.

Cos’è un miscelatore termostatico per doccia?

ll miscelatore termostatico mantiene la temperatura dell’acqua sempre costante per tutta la durata della doccia. Modulando la portata dell’acqua in caso di aperture di nuove utenze, mantiene infatti la temperatura dell’acqua sempre costante. Esso funziona attraverso una valvola termostatica che miscela l’acqua calda e quella fredda alla temperatura pre-impostata e reagisce in tempi immediati a qualsiasi variazione della pressione o della temperatura nell’erogazione dell’acqua, regolando nuovamente la miscela di acqua calda e fredda. In caso di interruzione della fornitura d’acqua fredda, la valvola termostatica si chiude automaticamente.

Quali sono i vantaggi del miscelatore termostatico?

Il miscelatore termostatico offre tre importanti vantaggi: sicurezza, comodità e convenienza.

Sicurezza perché la temperatura dell’acqua preimpostata rimane costante per tutta la durata della doccia. Non sussiste quindi il rischio di scottature accidentali a causa di un aumento improvviso della temperatura o di docce fredde a causa di una riduzione della stessa temperatura. Inoltre, se scegliete la tecnologia touch, quest’ultima fa sì che la superficie esterna del miscelatore non risulti mai troppo calda al tatto.

Comodità perché i miscelatori termostatici mantengono la temperatura pre-impostata, consentendovi il massimo relax durante la doccia. Se interrompete il flusso dell’acqua (ad es. per fare lo shampoo), quando riattivate il termostatico la temperatura dell’acqua sarà identica a quella precedente la chiusura.

images

Risparmio perché l’installazione di un miscelatore termostatico consente un risparmio di acqua e di energia. Grazie alla sua efficienza, il miscelatore termostatico può essere ammortizzato in breve tempo.

Perché installare un miscelatore termostatico?

Per avere sempre l’acqua della doccia a una temperatura costante garantendo sicurezza e comfort a tutti i componenti della famiglia. Il miscelatore termostatico per doccia è particolarmente utile nelle famiglie con bambini o con persone anziane che, avendo una pelle più sensibile, corrono maggiori rischi di scottature.

Esistono diversi tipi di miscelatori termostatici per doccia?

Sì, certamente! Le migliori aziende produttrici di sistemi-doccia garantiti  offrono numerosi modelli adatti a soddisfare qualsiasi esigenza relativa alla doccia. I miscelatori termostatici esterni e da incasso per doccia e i miscelatori per vasca/doccia offrono vantaggi straordinari in qualsiasi fascia di prezzo, mentre il design elegante è perfettamente coordinabile con le linee di rubinetteria della medesima azienda.

Le caratteristiche indispensabili che la rubinetteria del vostro bagno deve possedere

Avete mai pensato a quali caratteristiche la vostra rubinetteria debba possedere? Quali sono le vostre attese in fatto di miscelatori? A quali esigenze deve rispondere una rubinetteria completa e garantita nel tempo?

Perché una rubinetteria sia composta da elementi che durino nel tempo e che agevolino le vostre azioni quotidiane, ecco qui di seguito quali sono le caratteristiche che noi riteniamo indispensabili per un rubinetto del vostro ambiente-bagno: affidabilità parti meccaniche; disponibilità di ricambi nel tempo; lucentezza perpetua come i vecchi rubinetti di una volta, anche dopo l’uso di prodotti aggressivi e facilità nella pulizia.

Manutenzione e pulizia della vostra rubinetteria

Per godersi più a lungo la propria rubinetteria, occorre valutare dei piccoli accorgimenti che riguardano la manutenzione e le raccomandazioni per la pulizia. Seguite questi preziosi dettagli per mantenere i vostri miscelatori sempre funzionanti e i componenti della vostra rubinetteria sempre belli come al momento dell’acquisto! Utilizzate, in primis, dei detergenti non aggressivi perché quelli troppo acidi possono danneggiare le superfici, possono anche influenzare il funzionamento interno del prodotto.

images (3)

Evitate di commettere errori quando si lotta contro il calcare e lo sporco: se il trattamento non è corretto può provocare danni ed è escluso dalla garanzia. Non spruzzate detergenti direttamente sui miscelatori o sulle docce, invece spruzzate dei detergenti su un panno morbido e utilizzare questo per pulire la superficie. Pensate a sciacquare i miscelatori e le docce dopo la pulizia con acqua pulita e non utilizzate detergenti a base di acido cloridrico, acido formico, candeggina o acido acetico, in quanto questi possono causare danni significativi.

I nostri consigli per risparmiare acqua nell’ambiente-bagno

Tutelare l’ambiente risparmiando è davvero un gesto semplicissimo! Tutti possono risparmiare acqua attraverso piccoli accorgimenti. È strabiliante come spesso semplici e pochi gesti possano contribuire a tutelare il nostro ambiente e ridurre il consumo energetico. A volte si tratta di mettere in atto innovazioni tecnologiche, in altre invece basta solo sostituire una guarnizione. Inoltre incidono anche piccole modifiche delle nostre abitudini. Risparmiare acqua sta diventando sempre più essenziale. L’urbanizzazione, l’industria e le crescenti necessità della popolazione competono con le scarse risorse di acqua potabile.

Il seguente elenco riporta alcune strategie a favore dell’ambiente e del vostro portafoglio

Scegliete una rubinetteria con rompigetto integrato nella bocca di erogazione del miscelatore perché arricchisce l’acqua di aria, riducendo così il consumo di acqua del 60 percento fino a circa cinque litri al minuto, assicurando lo stesso comfort. Ancora, scegliete componenti in plastica elastica, che reagisce automaticamente alla diversa pressione dell’acqua, modificando la propria forma e ne limita il flusso dell’acqua.

Grazie a uno speciale dispositivo di regolazione del flusso e agli appositi ugelli del getto anche sotto la doccia è possibile risparmiare fino al 60 percento di acqua rispetto ai tradizionali miscelatori. Questo è reso possibile dalla tecnologia di regolazione, che utilizza una sorta di anello che reagisce in maniera flessibile alla pressione dell’acqua. Se la pressione è alta, l’anello rimpicciolisce l’apertura, se è bassa la ingrandisce, mantenendo costante il consumo idrico. Dovendo riscaldare complessivamente meno acqua, l’intelligente tecnologia ecologica contribuisce a risparmiare energia.

Inoltre, indipendentemente dai componenti della vostra rubinetteria, è possibile risparmiare nel lavarsi le mani, nel lavarsi i denti e, nel farsi la barba senza lasciar scorrere l’acqua.

Infatti, a seconda del rubinetto vanno persi dai 5 ai 20 litri d’acqua al minuto! Chiudete il rubinetto durante queste operazioni oppure utilizzate un bicchiere. Per la rasatura con il pennello basta riempire il lavabo con poca acqua prima di iniziare.

images (4)

Ricordatevi, inoltre, che un rubinetto che gocciola consuma migliaia di litri d’acqua all’anno! Un rubinetto che gocciola sembrerebbe a prima vista non incidere sulla fattura dell’acqua. Ma sommando questo consumo extra per tutte le famiglie, si va a generare per i comuni un inutile surplus di acqua che deve essere trattata. Pensate all’ambiente e fate sostituire la guarnizione del rubinetto quanto prima!

Preferite il miscelatore monocomando anziché il miscelatore a due maniglie.

Il miscelatore monocomando consente, infatti, di regolare molto più velocemente la temperatura dell’acqua rispetto al miscelatore a due maniglie, sprecando così meno acqua nello scarico.

Fare il bagno e, quindi riempire una vasca fa consumare almeno 140 litri! Con la doccia, invece, si consuma molto meno acqua, soprattutto se si utilizza un soffione doccia con tecnologia ecologica. E, per risparmiare ancora di più sotto la doccia è possibile installare la doccetta che consuma solo 6 litri al minuto. Facendo una doccia di tre minuti si consumano solo 18 litri d’acqua, e il piacere è comunque garantito.

Avete mai pensato che una gran parte di acqua potabile è utilizzata nello sciacquone del WC?

In questo caso vale assolutamente la pena installare un tasto di stop o uno sciacquone a doppio pulsante, poiché per i “bisogni piccoli” basta una quantità d’acqua di 3 litri. Si possono così risparmiare fino 10.000 litri di acqua potabile all’anno a persona (che corrispondono a dieci metri cubi: la fattura della vostra centrale idrica vi dirà a quanto ammonta nel vostro comune).

Riutilizzare l’acqua. Questo sarebbe il vero risparmio

La depurazione delle acque grigie significa riutilizzare in maniera mirata l’acqua poco sporca utilizzata per la doccia e la vasca da bagno è una soluzione intelligente. Diversi sistemi sono presenti in commercio al fine di depurare le acque di scarico senza utilizzare agenti chimici, consentendo così di risparmiare preziosa acqua potabile.

Progettandola per tempo, questa tecnologia può essere integrata senza problemi in edifici nuovi o da ristrutturare che prevedono un consumo di acqua per uso domestico a partire da 2.000 litri al giorno. Questa tecnologia è ancora più efficace se associata al recupero del calore. Pensate, quindi di integrare un sistema che recupera il calore dalla acque grigie prima del loro smaltimento, riducendo i costi per il riscaldamento dell’acqua fino al 20 %. Ottimo per l’ambiente, ottimo per le vostre tasche!

Elettrodomestici che consumano acqua: attenzione ai valori

Quando acquistate una lavatrice o una lavastoviglie prestate attenzione alla classe di efficienza energetica e scegliete un modello di classe A o ancora meglio di classe A+ o A++ . Le nostre abitudini di consumo influiscono in maniera rilevante sul consumo idrico!

Per produrre ad esempio 1 kg di carta a base di fibre vergini si creano 100 litri di acqua di scarico, mentre per produrre carta riciclata, realizzata utilizzando carta vecchia, si consumano solo 15 litri di acqua per ogni chilo, salvaguardando così le risorse. Quando acquistate carta igienica e carta per scrivere prestate attenzione a come smaltirla senza inquinare!

download (2)

Un altro gesto ecologico che salvaguardia l’ambiente è quello di limitare il consumo di acqua calda per tutelare l’ambiente! Chi non possiede una casa dotata di pannelli solari sul tetto, consuma inevitabilmente combustibili fossili per produrre acqua calda. Di conseguenza, risparmiando acqua calda, si riduce anche la produzione di anidride carbonica dannosa per l’ambiente. In una famiglia composta da quattro persone è possibile risparmiare fino a 600 kg di CO2 all’anno installando riduttori di flusso nei rubinetti.

Ambiente e sostenibilità – Le responsabilità del successo

Agire con cognizione di causa e responsabilità civica aiuta a risparmiare e a tutelare l’ambiente con intelligenza! Inoltre, nel momento in cui scegliete un’azienda a cui affidarvi per progettare il sistema di rubinetteria nel vostro bagno, pensate a scegliere aziende che hanno seriamente investito su una politica di produzione eco-sostenibile.

Il Gruppo Hansgrohe, per esempio, è uno dei pionieri del settore in materia di eco-sostenibilità e protezione del clima. Ha alle spalle una decennale tradizione aziendale “verde” e si prefigge obiettivi ambiziosi per un futuro ecologico. È parte degli obiettivi aziendali di Hansgrohe, assumersi responsabilità sociali e vivere in modo sostenibile. La passione per l‘elemento acqua ci spinge ad ampliare continuamente l‘assortimento di prodotti per il risparmio energetico e idrico, dettando tendenza a livello internazionale con tecnologie innovative. Per Hansgrohe la protezione del clima, la sostenibilità e il senso di responsabilità si traducono in: prodotti a risparmio idrico ed energetico con lunga durata di vita, articolati sistemi di riciclaggio domestico, sedi e tecnologie di produzione ecologiche, utilizzo di energie rinnovabili e progetti a protezione dell‘ambiente a livello mondiale e educazione per un utilizzo sostenibile delle risorse idriche.

Un omaggio alla Provenza nel vostro ambiente-bagno

Avete voglia di realizzare un ambiente che ricorda i romantici e accoglienti campi di lavanda della Provenza? Amate le tonalità pastello e lo stile classico per arredare il vostro ambiente-bagno? Se avete risposto affermativamente ai due quesiti allora state leggendo l’articolo giusto! Seguendo questi semplici consigli riuscirete ad arredare il vostro bagno in stile provenzale.

Le pareti: scegliere lo sfondo del vostro ambiente

Per prima cosa bisogna occorre considerare che, in un bagno provenzale così come in un bagno di qualunque altro stile, è possibile scegliere due diverse soluzioni per le pareti. Si può infatti optare per pareti che, almeno in parte, siano coperte da piastrelle, oppure scegliere di mantenere l’intonaco in tutta la stanza: in entrambi i casi, si possono aggiungere decorazioni particolari che rendano il bagno più elegante e vivace.  download

Per chi sceglie la prima soluzione, e decide quindi di acquistare delle piastrelle, si apre un ventaglio di possibilità, sia in merito alle colorazioni che ai materiali da adottare. Piastrelle di ceramica sono senza dubbio una delle opzioni più gettonate, poiché donano un tocco raffinato e al tempo stesso delicato alle pareti del proprio bagno. Si può anche scegliere il cotto, nel caso in cui si voglia privilegiare uno stile più rustico.

Per quanto riguarda le tonalità, si può adottare una tinta unita per tutte le piastrelle, oppure accostare colori diversi: in questo caso solitamente il bianco antico o il beige chiaro rappresentano una delle due tonalità, intervallate da colori pastello o inserti dai toni più vivaci. Il verde salvia, il rosa antico, il lilla lavanda e il celeste del cielo di Provenza sono alcuni dei colori più usati per le pareti di un bagno in stile provenzale.

A completare il quadro di un bagno provenzale con pareti rivestite da piastrelle intervengono alcuni decori, che possono costituire sia un motivo costante per una o più file, sia limitarsi a tessere isolate, da collocare in punti strategici. Spesso i decori floreali sono quelli più usati, dato che il mondo naturale e campagnolo è la principale fonte d’ispirazione di un bagno provenzale.

Anche nel caso in cui si scelga di mantenere le pareti rivestite d’intonaco si pone una scelta importante: il colore da selezionare. Muovendosi sempre nel campo delle tonalità delicate e pastello, si può spaziare da quelle più chiare a quelle un po’ più spente, in base ai propri gusti ed alle dimensioni della stanza stessa.

L’illuminazione del vostro ambiente provenzale: luci calde

L‘illuminazione bagno provenzale rappresenta un elemento molto rilevante all’interno dell’arredo del proprio bagno in questo stile, poiché il modo di illuminare un determinato ambiente contribuisce in maniera fondamentale a creare un tipo di atmosfera piuttosto che un’altra. Sarà quindi importante sia scegliere lampade che abbiano un particolare aspetto estetico, sia studiarne in maniera armoniosa la collocazione all’interno del bagnoimages (2)

In primo luogo bisogna pensare all’illuminazione principale che si vuole ottenere nel proprio bagno provenzale. Una delle soluzioni che possono essere adottate è, ovviamente, un lampadario centrale da soffitto, dal quale la luce si diffonda in tutta la camera. Le tradizionali plafoniere da bagno potrebbero però apparire poco consone allo stile provenzale, poiché solitamente sono molto semplici e prive di qualunque ornamento. D’altro canto un lampadario elaborato, tranne che in stanze da bagno davvero molto eleganti, potrebbe essere fuori luogo.

Un’alternativa interessante è data dalle lampade da muro. Si possono prevedere un paio di punti luce, entrambi collocati ad una buona altezza rispetto al pavimento, che vadano ad illuminare la vasca da bagno, i sanitari e il resto della stanza. In questo modo si può ottenere un’illuminazione più soffusa, che sicuramente rende l’atmosfera più soft e rilassante rispetto ad un’unica luce centrale.

Immancabili, ovviamente, in un bagno provenzale saranno le lampadine che illumineranno lo specchio, utilissime per il trucco e le altre piccole operazioni di bellezza.

Per quanto riguarda il tipo di lampadine da usare, è indubbiamente da preferire un tipo di luce calda, nei toni del giallo, rispetto ad una luce bianca e fredda, che stonerebbe completamente con l’ambiente.
Molto importante è l’estetica delle lampade da acquistare, sia da muro che da specchio, poiché questa dovrà rapportarsi armoniosamente al resto dell’arredamento.

Le lampade da bagno provenzali prevedono, nella maggior parte dei casi, l’utilizzo del ferro battuto che conferisce vita a motivi floreali: spesso le stesse lampade hanno le sembianze di un fiore, con una corolla in vetro satinato e le foglie in ferro battuto.

La scelta dei mobili

I mobili bagno provenzali rappresentano l’essenza stessa di una stanza da bagno arredata seguendo questo stile. Una volta decisa l’impronta da dare al proprio bagno, è necessario che i mobili, le pareti ed il pavimento siano in perfetta armonia, con tonalità che stiano bene assieme e, se possibile, con motivi e decori che si richiamino a vicenda.  images (1)

Esistono diversi mobili necessari in qualunque bagno provenzale. In primo luogo, non potrà mancare un mobile che contenga o che faccia da supporto al lavabo. Ci sono diverse possibilità per questo mobile, che possono essere tutte adatte al proprio bagno, a patto che ne rispecchino lo stile generale.

È possibile scegliere un mobile in cui il lavabo sia semplicemente poggiato, e che preveda una struttura aperta, generalmente composta da un cassetto sottostante il lavabo e una mensola ampia nella parte inferiore del mobile. Chi, invece, predilige soluzioni più moderne e tradizionali, può acquistare un mobile per lavabo chiuso, con due ante che racchiudono uno o più scaffali interni, in cui riporre la biancheria da bagno e altri oggetti utili.

Un altro mobile fondamentale in un bagno provenzale è senza dubbio quello da affiancare alla specchiera. Le opzioni più diffuse sono essenzialmente due. Nel primo caso si acquista uno specchio da appendere direttamente al muro e vi si affianca un mobiletto, anch’esso da fissare alle pareti, in cui, protetti da un’anta chiusa oppure a vista, alcuni ripiani consentono di avere sempre a portata di mano i prodotti per l’igiene quotidiana. Nel secondo caso invece si opta per un mobile unico, all’interno del quale sia incluso lo specchio: in questa ipotesi spesso lo specchio stesso viene supportato da due stipetti, uno a destra ed uno a sinistra, che assolvono la funzione di contenere gli oggetti da toeletta.

A completare i mobili di un bagno provenzale, nel caso in cui la stanza sia particolarmente ampia, può intervenire una cassettiera, di dimensioni variabili, all’intero della quale possono trovare comodamente posto gli asciugamani, gli accappatoi e i teli, in modo da essere sempre a portata di mano.
Si possono anche prevedere dei piccoli stipi, o delle mensole da fissare alle pareti, per ampliare i piani d’appoggio e conferire a stanze da bagno di grande superficie un aspetto completo, eliminando gli spazi vuoti in eccesso.

Colori e materiali per completare il vostro quadro provenzale

In merito a materiali e colori dei mobili di un bagno provenzale, si fa riferimento all’idea generale di questo stile: il legno la fa da padrone, spesso trattato con una lavorazione decapé, che gli conferisce un’aria vissuta, tipica delle case ispirate alla Provenza. Si possono scegliere mobili con tonalità pastello, ad esempio il tipico color lavanda, simbolo per eccellenza della regione francese, oppure mantenersi sui toni del bianco antico e del grigio, per un risultato di eleganza sobria e semplice. A seconda delle proprie preferenze, poi, si possono acquistare mobili che abbiano delicati decori floreali, oppure mobili più basilari, con una lavorazione uniforme per tutta la superficie. images

Essenziale è, ovviamente, acquistare mobili perfettamente coordinati tra loro, possibilmente dello stesso produttore e della stessa linea, specialmente nel caso in cui si opti per i decori ed i colori. Nel caso in cui invece si scelga lo stile molto semplice, bianco e non decorato, si potranno, con molta attenzione, acquistare anche prodotti in luoghi differenti, avendo cura di ottenere però un risultato finale armonioso.

Come arredare un bagno in stile country

Lo stile country è affascinante e molto di moda, principalmente nelle abitazioni di campagna o di montagna, infatti riesce a conferire un’atmosfera calda ed ospitale, che ben si adatta ai luoghi tipicamente rustici e poco abitati.

Se amate le atmosfere accoglienti, il legno e i colori naturali? Scegliete l’arredo bagno country! Il colore naturale del legno trasformerà ogni bagno in un ambiente country davvero caldo ed accogliente.

mobili impiegati sono di pregiato legno in massello. Questo stile d’arredamento si sta diffondendo anche nelle città dove sempre più abitanti scelgono lo scelgono, non solo per arredare le stanze principali, ma anche per il bagno grazie alla sua capacità di fornire un’atmosfera intima e calda. -085-a10ac21a01

Continuando nella lettura scoprirete come arredare il vostro bagno in stile country, creando cosi un ambiente caldo, esclusivo e funzionale.

Le caratteristiche principali per uno stile inconfondibilmente rustico

Per avere un bagno arredato in stile country bisogna scegliere mobili in legno. Scegliete un bel mobile per sotto il lavabo, in legno massello, magari con delle ante lavorate e con un motivo a cornice. Il colore che sceglierete dovrà tener conto del rivestimento interno del vostro bagno: se avete delle piastrelle ed un pavimento molto scuri e volete dare luce al piccolo ambiente del bagno, potreste scegliere dei mobili in legno chiaro o tinti in una tonalità chiara. Tuttavia lo stile country permette di trovare facilmente mobili con ante o i cassetti decorati con dei motivi floreali.

Al mobile sotto il lavabo, se lo spazio del vostro bagno ve lo permette, potreste aggiungere anche un mobile alto, sempre in legno (meglio se della stella linea del sotto lavabo scelto), provvisto di ante e cassetti, che vi sarà utilissimo per mettere la biancheria pulita, asciugamani e spugne varie.

Nella scelta dei mobili per il bagno prestate attenzione anche ai particolari come i pomelli delle ante, che devono essere in semplice porcellana bianca o in porcellana decorata per rispettare a pieno lo stile country.

Per la specchiera da mettere sopra il lavandino, sceglietene una ampia, realizzata in legno massello, in tinta con gli altri mobili, rettangolare o ovale, oppure sceglietene una con una cornice realizzata in ferro battuto. mobilebagno859A+piano860A+cornice868A_mensola862A-55d2be68fe

Solitamente i bagni arredati in stile country sono caratterizzati da un mobile bagno sotto al lavandino o da un mobile da bagno in legno con lavandino incastonato e da almeno un paio di altri mobiletti con vetrina, con cassetti e pensili.

Nei mobili da bagno per creare un maggior effetto rustico la superficie può essere trattata in modo da sembrare quanto più vissuta possibile. Alcuni mobiletti per i bagni country possono avere la superficie superiore decorata con piastrelle di ceramica.

Se le vostre finanze ve lo permettono e non l’avete già, un elemento fondamentale in un bagno country è una bella vasca con i piedini, “un must to have” sebbene quelle in commercio hanno prezzi alti.

A completare l’arredamento del vostro bagno mancano ancora le tende, meglio acquistare tende in fibre naturali, come la tela di cotone o di lino, magari con dei ricami o, in alternativa, con un motivo a quadretti.

Gli abbinamenti che fanno al caso vostro: tonalità pastello e materiali

mobili country per il bagno sono mobili realizzati completamente in legno. E’ così possibile optare per mobili colore legno chiaro tendenti al beige ma anche per mobili di colore marrone scuro lucidati in modo che la venatura del legno resti visibile. images (1)

Tra le laccature più diffuse troviamo l’intramontabile bianco, ma anche panna, avorio o crema.

Molto attuali anche mobili da bagno in tinte pastello come il lilla, il verde, il giallo o l’azzurro. Anche piccole decorazioni magari con motivi floreali in questi stessi colori oppure in bianco, argento o oro possono abbellire il bagno.

La scelta del colore dipende esclusivamente dai propri gusti personali ma è importante ricordare che i mobili molto scuri tendono a far apparire lo spazio molto più angusto di quello che è in realtà e quindi sono adatti ad ambienti particolarmente ampi.

Perché scegliere questo stile

Lo stile country offre ai mobili del bagno un’aria vissuta, vintage, che li rende assolutamente perfetti per arredare le case in stile country o rustico.

mobili da bagno country infatti riescono a donare agli ambienti quel calore, quella familiarità nonché quel senso di nostalgia per le cose passate che è tipico proprio di questo stile di arredamento.

In una casa arredata in stile country è ovvio pensare di arredare in stile country anche il bagno utilizzando mobili bagno rustici. images (2)

Nello stile country l’accoglienza è di casa

Il bagno in stile country o rustico è un ambiente accogliente in cui anche gli ospiti potranno subito sentirsi a proprio agio. Si respira un senso di familiarità e di calore che contribuisce ad infondere un senso di calma e di relax assoluti.

Tra le proposte di mobili in legno sarà facile scegliere i mobili bagno in stile country che fanno per voi. In primo luogo, bagni con mobili ad ante, cassettoni oppure un vano a giorno da posizionare sotto il lavabo, con specchi con luci, comodi vani per cosmetici ed articoli per la toeletta, vetrinette, portabiancheria e tutto il necessario per un bagno in stile country in perfetto ordine.

Perché non pensare a creare una boiserie nella stanza da bagno?

Questa sarà il complemento perfetto per un vero bagno country style! Noi possiamo realizzarla e colorarla partendo da vero legno disponibile sia con dogatura orizzontale che verticale.

Questi consigli vi aiuteranno a rendere il vostro bagno veramente accogliente, come piccoli mobiletti, specchiere, assolutamente unici nel loro genere, completamente personalizzabili nel colore e nelle decorazioni secondo le vostre esigenze.

Il legno dei mobili classici per il bagno viene trattato con una finitura per proteggerli dall’umidità e dal contatto diretto e continuo con l’acqua.

I pomelli e le maniglie dei mobili classici per il bagno possono essere realizzate anch’esse in legno di colore naturale o tinte in oro, argento, bianco o avorio. Oppure potrete scegliere maniglie in ottone o in metallo laccato oro.

Pomelli e maniglie oltre ad essere accessori funzionali si trasformano così in veri e propri complementi di arredo capaci di sottolineare ulteriormente l’eleganza dei mobili. images

I mobili bagno in stile country sono intramontabili e romantici: sceglieteli ed avrete la soluzione perfetta per creare nel vostro bagno un ambiente piacevolmente rilassato, fatto di dettagli ricercati ma anche di materiali di ottima qualità, ideali per durare nel tempo anche in ambienti umidi come possono essere i bagni.

Come ricavare un bagno privato in camera da letto

Per comodità, per sfizio o più semplicemente per necessità, un bagno in camera fa sempre comodo. A volte ci accorgiamo, però, che spesso la realizzazione di questo progetto non è sempre possibile. Nessun problema! Tanto ormai l’architettura d’interni ci viene incontro con tante proposte per ottimizzare al meglio la nostra casa, con costi e soluzioni mirate ad ogni tipo di esigenza.

Vorreste ricavare un bagno in camera ma nella progettazione della tua casa non è stato previsto? Nessun problema, lo si può realizzare anche successivamente, vediamo a quali condizioni. 

images (1)

Come ricavare un nuovo bagno nella vostra camera in tre tappe

1) Affinché sia possibile ricavare un bagno in camera è necessario che la camera abbia una metratura sufficiente: quindi per verificare la fattibilità del nuovo bagno la prima cosa da fare è una valutazione delle dimensioni della stanza in cui lo si vuole ricavare.

2) Il secondo passo per ricavare un bagno in camera consiste nel verificare quanto dista dal bagno principale lo spazio destinato ad accogliere il nuovo bagno: se è possibile, infatti, si tenta di raccordare le tubazioni e gli scarichi del bagno in camera a quello principale. Se non è possibile effettuare questo tipo di raccordo delle tubazioni, si opterà per la creazione di un bagno indipendente sotto il profilo degli scarichi, scegliendo di utilizzare dei sanitari con sistema di triturazione ed eliminazione dei rifiuti incorporato.

3) Infine, si esegue la progettazione in base allo spazio disponibile e alla tipologia di sanitari da installare.

Perché ricavare un bagno in camera da letto?

Se avete già intenzione di creare un secondo bagno in casa tua, possono esservi utili i consigli qui sopra sulle sue fasi di realizzazione; se invece avete ancora qualche dubbio sull’utilità di ricavare un bagno in camera, provate a immaginare quanta comodità in più potrebbe offrirvi: un bagno solo vostro, o da condividere con un’altra persona soltanto invece che con tutta la famiglia, un utile appoggio in più se avete ospiti, e se invece vivete assieme a persone in età avanzata, un modo per aiutarli a mantenere la loro autonomia.

Come ricavare un piccolo bagno supplementare annesso alla camera da letto: idee, consigli e attenzioni particolari.

images (3)

Le misure: verificare lo spazio a disposizione

Se la metratura non è un problema, la soluzione ideale è ricavare un disimpegno, permettendo l’accesso in bagno anche senza dover per forza entrare in camera da letto. La praticità di tutto ciò sta nel fatto che al mattino per esempio o comunque in caso di necessità si ha uno spazio comunicante che permette, al tempo stesso, di lavarsi e vestirsi senza passare mille volte per spazi in comune, regalando anche una certa privacy certamente assente fino a questo momento. Per il vostro progetto, è molto utile rifarvi ai bagni nelle stanze d’albergo, piccoli e funzionali. Vediamo quindi come realizzare il bagno che avete da sempre desiderato.

Considerazioni tecniche: tutto a norma di legge

Se è vostra intenzione modificare la muratura, dovete presentare, al Comune di residenza, una DIA (denuncia di inizio attività) firmata da un tecnico. In seguito, dovrete comunicare le modifiche effettuate all’ufficio Catasto. Per ulteriori informazioni rivolgersi direttamente all’ufficio tecnico del proprio Comune che vi informerà su tutta la documentazione a riguardo. È necessario attenersi alle norme del Regolamento Edilizio e del Regolamento d’Igiene. In linea di massima, occorre avere un’altezza di 240 cm, pavimenti in materiale lavabile impermeabile e pareti rivestite fino ad un’altezza da terra di 150 cm. Il bagno annesso alla stanza da letto, per legge, è concesso solo come secondo bagno e se si tratta di un bagno cieco (senza finestra) dovrete dotarlo di regolare impianto di aerazione a norma. a prima regola è che vi occorrono almeno quattro metri quadri per attrezzare il vostro locale.  Di conseguenza, diventano fondamentali le dimensioni dei sanitari di cui esistono dimensioni ridotte, pensate appositamente per locali ristretti e quindi quasi sempre indispensabili nel vostro caso.

images

Consigli per un arredo funzionale e coordinato

Altro elemento da non scordare assolutamente, è il termo-arredo che, per comodità, ma anche per una questione prettamente estetica, potete decidere di posizionare in verticale (vi permetteranno di guadagnare spazio e superficie utile per arredare con altri accessori)… Ma passiamo alla pratica. Che pareti scegliere? La tendenza attuale sono le pareti con pannelli scorrevoli di vetro sabbiato soprattutto se avete poca luce. Soluzione analoga ma statica, sono i mattoni di vetro semplici o colorati con decorazioni. Se la luce non è un problema e necessitiamo di maggiore privacy, restano la scelta tradizionale della muratura in cemento o quella poco usata del cartongesso. Il colore delle pareti, dovrà richiamare la pavimentazione o almeno qualche elemento d’arredo. Unica accortezza è di scegliere una pittura resistente all’umidità, quindi di buona qualità, evitando, almeno questa volta, di risparmiare troppo altrimenti in un futuro prossimo ve ne potreste pentire amaramente.

Per la costruzione si può utilizzare la muratura, il cartongesso o anche solo delle pareti di vetro sabbiato, questo renderà il bagno più luminoso e apparentemente spazioso. Nella soluzione in muratura si può pensare di ricavare nella parte alta un vetro che porti un po’ di luce durante il giorno. Si possono anche utilizzare i mattoni di vetro, decorativi e volendo colorati. Potrà aiutare ad ampliare visivamente lo spazio l’utilizzo di superfici a specchio all’interno, che ricoprano anche quasi interamente una parete. Conviene utilizzare colori chiari e lasciare libere le pareti il più possibile perché l’ambiente non risulti soffocante. L’ideale sarebbe usare come rivestimento una superficie continua tipo resina oppure se utilizzate piastrelle conviene scegliere formati o molto grandi o molto piccoli come il mosaico. Altrimenti una buona soluzione per il pavimento è utilizzare lo stesso della camera da letto, in modo da creare continuità, in questo caso per il rivestimento delle pareti si può utilizzare anche solo una pittura, di quelle fatte apposta per bagni e cucine, impermeabili e resistenti all’umidità. downloadBisogna anche porre particolare attenzione all’illuminazione, l’ideale è utilizzare lampade alogene, che sono simili alla luce naturale e sono le più indicate per il bagno. Per i sanitari andranno scelti modelli di misura contenuta. Anche il piatto doccia dovrà avere dimensioni contenute che potrebbe essere 70 x 70 cm; l’ideale sarebbe un’installazione a filo pavimento e una chiusura meno invasiva possibile, magari solo un pannello fisso in vetro.

È necessario, infine, tenere conto dei problemi tecnici nella realizzazione di un bagno, se nelle vicinanze abbiamo un altro bagno le tubature potranno essere collegate a questo, altrimenti andranno fatte ex-novo, questo comporta la demolizione del pavimento e anche l’ispessimento della soletta per permettere la pendenza necessaria. Esiste anche la possibilità di installare pompe e piccole stazioni di triturazione che permettono di scaricare in tubazioni di diametro molto ridotto.

Accessori bagno: una scelta creativa e intelligente

Dalla bilancia, al portasapone passando per l’appendiabiti: gli accessori per il bagno vanno scelti con molta creatività e fantasia! Abbiamo raccolto per voi alcune informazioni sugli oggetti di uso quotidiano di cui non si può proprio fare a meno nell’ambiente-bagno di qualsiasi abitazione. 

Creatività con stile

La scelta degli accessori per il bagno è anche un’occasione per liberare la vostra creatività, ma è bene farlo con stile, cercando di abbinare gli oggetti con l’arredamento del vostro ambiente-bagno. Ecco, allora, alcuni consigli utili per evitare erroriimages (7)

1) Fate sempre attenzione ai colori che avete scelto per le piastrelle, le pareti e i sanitari, ma soprattutto allo stile: classico, minimal, contemporaneo, vintage, ecc.

2) I tappeti e le tende dovrebbero seguire i colori della teleria: potete sceglierla completamente diversa dai colori delle piastrelle per creare un netto contrasto, oppure coordinarla.

3) I dettagli sono piccoli elementi, ma molto importanti in qualunque ambiente: scegliete mensole (se le prevedete), appendini, asciugamani, porta scopino, porta bicchiere, bicchiere, portasapone, portaoggetti, ecc. che si adattino al bagno senza creare una confusione visiva. Se avete scelto un arredamento contemporaneo, ad esempio, gli accessori devono coordinarsi con questo stile, oppure potete sceglierli molto semplici che quasi scompaiono. Oltre a fungere da complemento d’arredo, gli accessori e i mobili da bagno ottimizzano lo spazio e garantiscono maggior comodità e praticità. Portasciugamani, dosatore per il sapone e ganci per accappatoi impreziosiscono ulteriormente il tuo bagno. Per un look uniforme è importante scegliere un produttore di rubinetti che offra anche una gamma, completa di accessori. Ciò garantisce la completa uniformità tra la finitura dei rubinetti e degli accessori. All’interno dell’ambiente bagno la posizione degli accessori deve essere un giusto compromesso tra le esigenze di design e la facile accessibilità. Prima di procedere al montaggio è consigliabile valutare attentamente la posizione giacché per installare questi accessori, è necessario forare le piastrelle con il trapano. I portasciugamani devono essere facilmente accessibili dalla vasca e/o dalla doccia e i ganci per gli accappatoi devono essere posti vicino alla porta della doccia. I dispenser per il sapone e i porta spazzolini a parete aiutano a tenere il lavabo pulito e ordinato. images (5)

4) Se in casa ci sono bambini, scegli comodità e praticità: meglio evitare oggetti in vetro, cristallo o altri materiali molti fragili che potrebbero rompersi facilmente. Ideali sono i materiali come l’acciaio inox, la ceramica, la resina, la plastica oppure i materiali naturali o riciclati.

5) Anche la scelta dello specchio dipende dallo stile del bagno. Se è inserito in un ambiente arredato in modo semplice, potete azzardare l’inserimento di uno specchio dallo stile diverso e adattare l’aspetto della stanza all’atmosfera che preferite. Nessun ambiente-bagno è completo senza uno specchio. Gli specchi sono essenziali per le attività giornaliere come il trucco, la rasatura e spazzolarsi i capelli, oltre a riflettere la luce nello spazio. Molti design integrano luci alogene o LED attivate da un tasto on/off per l’illuminazione graduale, mentre alcuni includono un pannello riscaldante sulla parte posteriore dello specchio per rimuovere l’umidità dalla superficie riflettente. Gli armadietti a specchio sono una soluzione ideale per chi desidera una buona capacità contenitiva abbinata alla massima discrezione: le versioni a incasso sembrano un semplice specchio mentre nascondono un comodo contenitore. images (8)

Contemporaneità ed essenzialità

Il design contemporaneo varia secondo le tendenze. Tra le ultime spicca una collezione minimalista che rappresenta il perfetto incontro tra uno stile semplice e sobrio, l’alta qualità dei materiali e la loro funzionalità. Appendiabiti, portasciugamani, scaffale e porta-rotolo sono realizzati abbinando due elementi in pieno contrasto tra loro: l’acciaio inox e la gomma. Quest’ultima crea originali decorazioni ed è perfetta come antiscivolo.

Gli stickers: accessorio arredo?

Da non dimenticare la possibilità di decorare le pareti con gli stickers, adesivi murali che fungono da decoro per le pareti sobrie e seriose. Ebbene sì, si tratta di veri e propri accessori d’arredo alla stessa stregua di altri elementi e decorazioni da parete. Tra i vari stickers ne esistono con superficie riflettente: non possono sostituire la più accurata funzionalità dello specchio, ma sono adatti, ad esempio, per essere sistemati a fronte dell’accessorio: potete così specchiarvi di fronte e sistemarti i capelli dietro. images (6)

Nicchie nella parete

Le nicchie nella parete della doccia consentono di appoggiare gel doccia e shampoo su ripiani facilmente accessibili senza problemi d’ingombro. Mensole incassate in altre zone, ad esempio sopra un vaso WC sospeso, creano un punto focale nella stanza e donano un ulteriore tocco personale all’ambiente oltre ad essere funzionali per le vostre attività quotidiane.

Mobili per il bagno

Una volta limitato a piccoli armadietti, l’arredo-bagno oggi offre una serie infinita di stili e soluzioni per qualsiasi esigenza. Dalle finiture laccate lucide in colori brillanti ai legni chiari, i contenitori vanno da piccoli cubi a lunghe file di armadietti e cassettiere. Le soluzioni sospese accentuano il design minimalista del bagno e offrono uno spazio, dove riporre tutti i prodotti utilizzati, lasciando visibili solo quelli dal packaging accattivante. Molti produttori offrono inoltre arredi appositamente progettati per bagni e guardaroba di piccole dimensioni, dove lo spazio è limitato.

Un design intelligente

Degli accessori per il vostro ambiente-bagno non conta solo l’aspetto, la loro forma e colore ma anche l’intelligenza. Oggi, infatti, questi oggetti non sono soltanto funzionali, ma potete utilizzarli in diversi modi! Per esempio, una bilancia pesapersone elettrica in acciaio inossidabile può trasformarsi in un supporto da appendere alla parete, per liberare il pavimento e facilitarne la pulizia. L’intelligenza passa attraverso la funzionalità, preferite quindi che la vostra scelta ricada su oggetti dal design intelligente!

 

Tante idee chic per un bagno originale

Una casa acquista maggiore valore se viene arredata con oggetti di lusso o mobili pregiati, pezzi importanti e ricercati che hanno il compito di catturare l’attenzione dell’ospite e di impreziosire l’ambiente con un tocco di originalità e classe. L’arredo e i suoi complementi giocano un ruolo fondamentale nel determinare il valore e l’aspetto dell’abitazione, e oltre ad esprimere la personalità del proprietario, contribuiscono, infatti, ad aumentarne il pregio e la ricchezza.

Vediamo quali elementi scegliere per arredare con lusso e carattere un ambiente-bagno davvero originale. Avete mai pensato di inserire nell’arredo del vostro bagno camini, acquari, vasche, piscine, poltrone e altri componenti che possono trasformarla in una dimora sontuosa e di prestigio?

Ebbene, qui di seguito troverete alcune idee bizzarre, stravaganti ma altrettanto originali che vi faranno immaginare di realizzare un ambiente-bagno da lasciare senza fiato anche l’ospite più esigente!

I cristalli, è vero, rendono brillante ogni superficie e riflettono la luce naturale dell’ambiente stesso. Trasformate il vostro bagno in un vero e proprio scrigno: autentico luogo di confort e di pieno relax. L’impressione dei vostri ospiti, entrando in un ambiente così ricercato, sarà di completo stupore! Una toilette di lusso, tempestata di cristalli Swarovski è sicuramente l’ambiente più brillante e scintillante della casa!

Sempre più persone vogliono imprimere un tono importante a certi ambienti e l’arredamento delle case di lusso cede alla tentazione di arricchirsi di materiali preziosi, quali l’oro, il platino, i diamanti, e anche i cristalli Swarovski. Ogni angolo della casa ama circondarsi di dettagli luxury. Anche l’insospettabile bagno.

E così ecco a voi un’idea davvero originale e preziosa: create un bagno tempestato di cristalli Swarovski: sarà anche comodo oltre che bello?

I complementi d’arredo diventano preziosi grazie alla creatività dell’azienda Giulini e agli accostamenti con le migliaia di riflessi emanati da Swarovski Elements, elementi di vero cristallo applicati alla linea di eleganti rubinetti disegnati da questa importante azienda del Made in Italy.

                                 download (1)  images       download

Si tratta di pezzi davvero ben lavorati e di alto design, contenenti cristalli di varie grandezze, creati in esclusiva dai designer dell’azienda Giulini, attivi da oltre quarant’anni nella lavorazione del metallo. Il marchio che contraddistingue alcuni prodotti è il risultato di una ricerca effettuata dalla società per offrire alla propria clientela prodotti sempre più tecnologici e dalle forme in linea con le nuove tendenze.

Se volete imprimere al vostro ambiente-bagno un tocco di originalità, affidatevi alle rubinetterie Giulini, la cui collezione Crystal, propone sinuosi rubinetti in oro ventiquattro carati, impreziositi da cristalli Swarovski e certificati da questo importante marchio internazionale. I destinatari di questi oggetti così ricercati sono tutti coloro che vogliono fare del bello una regola di vita e dell’eleganza uno stile inconfondibile.

La nuova collezione in cristalli Swarovski rappresenta il lusso allo stato puro. Il brand italiano di arredamenti, ha, infatti, pensato di rivolgersi a un target di clientela decisamente alto, proponendo una linea di complementi d’arredo che non passano mai inosservati, caratterizzati da importanti cristalli Swarovski incastonati nelle curve sinuose di rubinetti di un certo spessore.

La collezione Swarovski è solo una delle importanti e originali collezioni di rubinetterie presentate da questo marchio tutto italiano, infatti, l’azienda ha pensato anche di creare dei binomi con pietre preziose, realizzati in moltissime tonalità di colori, che vi permetteranno di scegliere la versione più adatta all’arredamento della vostra abitazione.

Le linee più prestigiose dell’azienda Giulini oggi a catalogo sono la collezione “Crystal” che impreziosisce rubinetti, miscelatori e accessori con l’utilizzo di originali “Swarovski Elements”, la collezione PLP, modulare e versatile, dalle innumerevoli e innovative soluzioni tecniche ed estetiche, cui si aggiunge il programma IMPERO STYLE.

Ma le idee non finiscono qui!

Un altro oggetto che può contribuire a trasformare il bagno in una zona di lusso è un camino. Accessorio che siamo abituati a vedere nella zona giorno, sarà in grado di dare alla stanza da bagno un’aria romantica e contribuirà in modo significativo a conferire un tocco chic. Per un effetto ancora più suggestivo ed emozionante si può puntare su un acquario gigante super accessoriato, studiato appositamente per ospitare nel migliore modo possibile un pezzo di barriera corallina in casa vostra. Bellissimi da vedere anche se difficili da mantenere, economicamente e in pratica, questi acquari sono vere e proprie opere d’arte.

                          download (2)                    images (2)

Un vezzo che molti desiderano nella propria abitazione, è quello della piscina da interno. Se intendete utilizzare la piscina durante tutto l’arco dell’anno, la piscina interna è, infatti, la soluzione ideale. Il top è di inserirla in uno spazio wellness con mini vasche idromassaggio, sauna e macchinari per l’attività fisica. I prezzi di una piscina da interno sono molto elevati, ma il lato positivo è che non sono necessari specifici permessi edilizi speciali per inserirle nel vostro ambiente-bagno.

Quando si dice …. Noblesse oblige!

Piccoli accorgimenti per un bagno sempre perfetto

La pulizia del bagno è un obbligo quotidiano al quale non è possibile rinunciare per garantire una perfetta igiene della propria casa e delle persone che vi abitano. L’ambiente-bagno è il luogo della casa che maggiormente deve essere pulito e igienizzato tutti i giorni poiché viene utilizzato in ogni momento da tutti i componenti della famiglia e deve essere pronto ad accogliere gli ospiti. Per pulirlo bene e in fretta è consigliabile tenerlo ordinato ed effettuare una pulizia giornaliera in modo che lo sporco non si accumuli e che velocemente si possa pulire ottenendo ottimi risultati. Per questo genere di pulizie è preferibile utilizzare un detergente liquido (in commercio ne troverete di diverse fragranze e tipi) e delicato per evitare che le varie superfici del bagno si graffiano con detersivi aggressivi e corrosivi sia per la persona che per i sanitari e i mobili d’arredo.  Il discorso vale anche per i rivestimenti e le pareti.

La manutenzione quotidiana del bagno diviene quindi un gesto imprescindibile da far rientrare nelle nostre abitudini e attività giornaliere. Come ambiente dedicato all’igiene e al benessere della persona, deve esso essere curato e mantenuto in perfetta efficienza e pulizia. 

            images (1)     download (1)   images

Qui di seguito troverete dei preziosi consigli che possono aiutarvi a mantenere il vostro bagno sempre splendente, pulito e igienizzato. 

Adottate una pulizia differenziata

Per pulire il bagno in maniera efficace bisogna detergere le varie parti che lo compongono in maniera differente (considerate che i materiali dei vari componenti del bagno non sono gli stessi, quindi acquistate diversi detergenti, ciascuno adatto ai materiali d’arredo del vostro ambiente-bagno).

Cominciate, quindi, la pulizia partendo dalle piastrelle delle pareti che vanno lavate con una soluzione di acqua ed ammoniaca e poi vanno asciugate e lucidate con un panno di daino o un panno di micro fibra. Per evitare che si formi la condensa sulle piastrelle (dopo la doccia, per esempio), passate uno straccio imbevuto di alcool e fate aerare bene il bagno.

Passate poi a pulire i sanitari, i quali necessitano di pulizie accurate e costanti, utilizzando un detergente delicato (preferibilmente antibatterico) ed una spugnetta morbida o un panno spugna liscio, in modo che le varie superfici non si graffino, e dopo averli risciacquati attentamente asciugateli con un panno morbido in modo da renderli lucidi. Se avete bisogno di sbiancare i sanitari potete utilizzare l’aceto caldo mescolato al succo di limone. Quando pulite i sanitari pensate anche ai porta sapone e al porta spazzolino. Per pulire lo spazzolino del water è necessario lasciarlo in ammollo nella candeggina per una mezz’ora (abbiate cura di immergere nell’ammoniaca la parte dello spazzolino e far uscire il manico, perché il prodotto potrebbe corrodere il materiale).

Come eliminare il calcare che si annida nei sanitari?

Prestate particolare attenzione alla pulizia dei rubinetti giacché sono spesso attaccati dal calcare che li rendi opachi e li ottura. Perché la pulizia sia efficace potete utilizzare i detergenti anti calcare oppure l’aceto caldo che svolge la stessa funzione, di tanto in tanto pulite anche i filtri dei rubinetti immergendoli nell’aceto e strofinandoli con un vecchio spazzolino da denti per eliminare tutte le incrostazioni di calcare che si sono formate. In questo modo i depositi si ammorbidiscono e possono essere eliminati agevolmente, senza compromettere il buon funzionamento del rubinetto. Dopo aver rimontato i pezzi è bene verificare che la potenza del getto sia stata ripristinata e che non vi siano scolature laterali, causa principale della formazione di accumuli di calcare.

Un trattamento igienizzate a parte è dedicato ai componenti d’arredo del vostro ambiente-bagno. Quando li acquistate è consigliabile conservare la loro scheda tecnica per conoscere i materiali di cui si compongono e poterli così pulire le superfici con prodotti detergenti ad hoc, non corrosivi e adatti a lucidarli. Prima di procedere all’acquisto di un prodotto è sempre bene leggere attentamente l’etichetta, che deve riportare le avvertenze e le indicazioni per il suo corretto utilizzo. È importante verificare, in particolare, la compatibilità del detergente rispetto all’applicazione sui diversi materiali. A questo proposito, potrete chiedere anche un consiglio al vostro rivenditore. Se, per esempio, il piano del vostro bagno è di marmo utilizzate acqua distillata e detergente neutro e, di tanto in tanto, passateci sopra della cera bianca a base di silicone.

Lo specchio e le superfici specchiate vanno pulite con l’alcool in modo da evitare il formarsi della condensa, utilizzate un foglio di giornale appallottolato sul quale versare l’alcool e pulire lo specchio insistendo, sempre con dei gesti delicati, sulle eventuali macchie.

Come trattare lo sporco più ostinato?

Se nonostante le vostre accortezze quotidiane, negli angoli del vostro bagno si sono formate delle macchie scure potete eliminarle con acqua e bicarbonato oppure con la candeggina, per sbiancare la vasca da bagno strofinateci sopra del limone e lasciate agire tutta la notte, per sbiancare l’asse del water utilizzate l’acqua ossigenata e per mantenerla lucida a lungo potete passarci anche un filo di cera, se trovate delle macchie scure sullo specchio provate a toglierle passandoci sopra dell’olio d’oliva che va fatto agire per qualche ora dopo le quali toglietelo con la carta dei giornali. Se trovate nel bagno delle macchie di ruggine strofinatele con una pasta abrasiva mescolata con olio.

Molto comoda è allo scopo la formulazione spray di alcuni detersivi disponibili in commercio che, in più, hanno il vantaggio di lasciare una persistente e delicata profumazione nell’ambiente e lo rendono invitante e accogliente. Mentre per alcune parti del bagno occorre utilizzare dei prodotti più densi.

Un po’ d’ordine non guasta mai

Consigli a parte, un bagno ordinato e ben organizzato ne facilita la pulizia! A questo proposito prendetevi cura di mettere in ordine i ripiani e i bordi del lavabo, spesso pieni di tubetti e prodotti per l’igiene personale. Riponete i prodotti utilizzati e magari, per facilitare la loro sistemazione perché pensate ad inserire uno scaffale vicino al lavabo oppure predisponete un piccolo e simpatico cestino per ogni membro della famiglia, nel quale ciascuno può conservare gli oggetti e i detergenti che si utilizzano abitualmente.

Questi accorgimenti vi aiuteranno a mantenere il vostro ambiente-bagno davvero pulito e sempre in buono stato.

Il bagno mansardato: sfruttate ogni angolo del vostro bagno in modo ottimale

Come arredare il bagno in mansarda? Tante idee per rendere l’ambiente funzionale e comodo! Scopriamole insieme.

Qualche accorgimento funzionale

Un bagno in più in casa fa sempre comodo, ma se è in mansarda non è detto che si riesca a sfruttarlo a pieno. Arredare un bagno in mansarda non è infatti un’operazione molto semplice e si rischia di comprometterne la funzionalità. Eppure, il concetto di base è molto semplice: disporre gli elementi in maniera tale che l’altezza spiovente del tetto non ne comprometta la funzionalità. Facile a dirsi, ma arredare un bagno in mansarda non è poi altrettanto facile a farsi.

Alcuni accorgimenti possono semplificare la vita. La doccia è bandita, salvo che non si abbia a disposizione una stanza sì dalle altezze variabili, ma di ampie dimensioni: meglio puntare su una vasca. In un locale mansardato i punti in cui si può stare in piedi non sono molti, quindi quelli disponibili vanno impiegati per attività che da seduti non si potrebbero proprio fare.

mobili per arredare un bagno in mansarda non sono giocoforza gli stessi di un bagno normale: in alcuni punti della stanza potrebbero tornare comodissimi cassettoni alti anche meno di un metro da terra, elementi d’arredo che in un bagno normale non avrebbero molto senso, anzi, rischierebbero di rubare spazio inutilmente.

Al di là della “logistica”, nell’arredare un bagno in mansarda è fondamentale puntare su colori caldi e luminosi, meglio ancora se sul bianco: anche l’ambiente più angusto potrebbe risultare con il solo contributo del colore più arioso. Per le stesse ragioni nell’arredare un bagno in mansarda è meglio non eccedere con gli elementi: meglio pochi pezzi e essenziali, per non soffocare la stanza.

Fate del vostro bagno mansardato un’attrazione

Il bagno mansardato si presenta come un ambiente con un qualcosa in più di particolarmente accogliente. Tuttavia, può talvolta rappresentare una fonte di problemi nella scelta e nella disposizione dell´arredo bagno, poiché si deve prestare sempre attenzione all’altezza. Davanti al WC, al lavabo o nella doccia si dovrebbe raggiungere un’altezza di 2,00 metri  se è possibile. Nel caso il bagno venga utilizzato da persone particolarmente alte, l’altezza dovrebbe essere ovviamente maggiore, per consentire loro di muoversi liberamente, senza il pericolo di sbattere la testa. È anche possibile, inoltre, posizionare la vasca da bagno sotto la zona inclinata, in quanto è necessaria una determinata altezza solo per accedere nella vasca. Tutti gli altri oggetti, come i contenitori da bagno, possono essere sistemati lungo le altre pareti.

Illuminate il vostro bagno mansardato

In un bagno mansardato non è sempre così facile integrare delle finestre che facciano entrare luce a sufficienza nell’ambiente, tanto da farlo apparire più grande. Quando l’altezza è tale da consentirlo, le finestre, inserite correttamente nella parete inclinata, doneranno all’ambiente un aspetto più ampio ed un’altezza maggiore. Inoltre, rappresenteranno una fonte di luce ulteriore per il vostro bagno mansardato.

Nella casa in mansarda, la stanza da bagno rispecchia lo stile dell’abitazione, e può essere moderna, rustica, vintage o decorata da elementi di design. La struttura tipica della mansarda permette di giocare con la luce, i vetri e gli specchi, creando un ambiente chiaro, luminoso e raffinato.

                                               bagno-con-rivestimenti-in-legno   bagno-mansardato-con-vasca-piscina

Come installare fai-da-te un nuovo bagno in mansarda?

Una stanza in più non solo è funzionale, ma aumenta il valore di una casa di oltre il dieci per cento. Il progetto è difficile da realizzare, quindi seguite con attenzione tutti i passaggi.

Prima di iniziare, recatevi al vostro Comune di residenza per richiedere i permessi necessari. Valutate bene lo spazio disponibile in mansarda. Le vasche sono disponibili in varie dimensioni e forme, quindi si adatteranno anche una piccola zona bagno. Considerate le possibili opzioni sfogliando libri di design, riviste di settore e siti web. Se avete in programma di costruire una stanza di gran lusso, consultate  un architetto per un parere più professionale, che vi illustrerà le migliori idee di design. Quando avete ben chiaro cosa intendi realizzare, acquistate gli infissi ed i materiali necessari. Come minimo, la parte idraulica dovrebbe includere un lavandino, un wc, un bidet e una vasca o doccia. Se lo spazio e il budget sono sufficienti, inserisci una vasca idromassaggio e una sauna. Misurate accuratamente ogni area per assicurarvi che il sanitario possa adattarsi correttamente.

La prima operazione riguarda la posa delle tubature per l’acqua in entrata e in uscita. Esse dovranno essere allineate esattamente alle postazioni previste per i sanitari. Successivamente occorre costruire un telaio di base con una struttura di legno. Acquistare delle tavole in un negozio di fornitura per falegnami, per risparmiare sul materiale. Ponete poi un sistema di isolamento tra la parete esterna e quella del bagno, quindi sistemate il soffitto, facendo in modo che la stanza contenga sufficiente isolante per mantenere al suo interno una temperatura calda. Non solo vi farà risparmiare sul riscaldamento, ma avrete anche un ambiente caldo e confortevole.

Posate, successivamente, il cablaggio elettrico lungo la cornice in legno, per avere l’impianto di accensione generale.  In base alle vostre esigenze, lo implementerete con gadget ed accessori come uno specchio illuminato, un ventilatore di scarico, un riscaldatore ecologico di acqua senza serbatoio, il riscaldamento a pavimento e il termostato di controllo. Prima di addentrarvi in queste operazioni, consultate sempre la portata massima elettrica per determinare i requisiti consentiti.

Inserite nelle pareti i pannelli in cartongesso, quindi potrete praticare dei fori per i sanitari, che serviranno a farli adattare alle tubazioni. Pensate ad eseguire la stabilitura con una spatola, muovendola sempre verso il basso, per creare una superficie liscia. Adesso potrete installare i sanitari. La vasca va sistemata per prima, perché è il dispositivo più grande e quindi più difficile da manovrare. Montate, quindi i rubinetti e il soffione e collegateli all’impianto idraulico. Fate la stessa cosa con il wc, il bidet e il lavabo. Eseguite una catafalcatura completa intorno alla base di ciascuno di questi apparecchi.

A questo punto andrete a montare il mobile del lavabo e le scaffalature per riporre gli oggetti e i prodotti cosmetici. A seconda della dimensione del bagno, li completerete con altri mobiletti. Non vi resta che posare le piastrelle sulle pareti, sul pavimento e nel vano doccia.

Infine, completate il vostro capolavoro di fai-da-te dipingendo la stanza con una tinta che sia adatti allo stile architettonico della mansarda.

Impreziosite il vostro bagno con la rubinetteria Giulini

La grande azienda Giulini, marchio importante del nostro Made in Italy, presenta una collezione di rubinetterie in cui si abbina la perfetta armonia della pietra con il metallo degli accessori bagno:  la linea Stone Collection è il risultato di questo perfetto connubio.

Conoscete il potere affidato alle pietre?

I cristalli e le pietre posseggono ed emanano una peculiare energia vitale che viene trasmessa e rilasciata a chi li tocca o li indossa. Anche il nostro corpo e tutto l’Universo è energia: infatti attorno a noi si estende un corpo sottile di energia, ed è ormai risaputo che ogni disturbo che avvertiamo, prima di manifestarsi a livello fisico esiste sull’aura. Diversi studi sull’analisi delle proprietà benefiche delle pietre hanno dimostrato che il potere di tutte le pietre e i cristalli è reale e diversi metodi terapeutici sono stati elaborati proprio partendo da questi studi.

Le pietre dure e cristalli influenzano l’aura rimuovendo blocchi energetici che potrebbero scendere a livello fisico e creare disturbi più o meno gravi. È importante sottolineare che non è possibile pretendere che pietre e cristalli possano curare tutti i nostri disturbi. Molto dipende dall’individuo stesso che sarà il vero artefice della propria guarigione e del proprio benessere.  Quindi, il punto di partenza fondamentale per capire tutto questo meccanismo è quello di considerare l’uomo non solo nel suo aspetto fisico, così che l’azione terapeutica delle pietre non apparirà astrusa o inverosimile. Studi fisici hanno messo in evidenza e stabilito che qualsiasi corpo, organismo e materiale possiede un suo campo energetico; qualsiasi fenomeno naturale è accompagnato dall’emissione o dall’assorbimento di energia sotto forma di luce, calore o radiazioni. Per quanto riguarda i cristalli e le pietre essi hanno la capacità di assorbire e trasformare la luce nella gamma degli infrarossi, delle radiazioni e delle microonde.

                       download       images        images (3)

Quando il benessere incontra l’eleganza nasce la Stone Collection di Giulini.

Questo concetto di benessere e di eleganza è riposto alla base della Stone Collection. Il marchio Giulini intende creare un ambiente-bagno in cui la perfetta armonia dei materiali incontra il benessere psico-fisico del suo fruitore. L’arredo, gli accessori e i componenti del bagno contribuiscono altamente alla creazione di un ambiente ricercato e rilassante nel contempo. Il segreto nasce nell’incontro, nel binomio perfetto, nell’equilibrio che si crea tra i materiali utilizzati.

Cinque pietre per cinque idee d’arredo.

Questo importante progetto si compone, nello specifico, di cinque preziose collezioni: Persia, Praga, Harmony, Odessa e Giò e da altrettante tipologie di gemme: Lapis, Malachite, Rodocrosite, Rocca di cristallo e Occhio di Tigre.

Una selezione accurata di materiali semi preziosi per arredare le stanze da bagno più lussuose al mondo con raffinatezza ed eleganza. Le pietre sono diverse sia per tipologia di materiale, sia per colore.

                                         images (1)    images (2)

Adesso scegliete la vostra gemma!

Vediamo, qui di seguito, nel dettaglio le proprietà di ciascuna gemma, aiutandovi a scegliere quella le cui proprietà si sposano con le vostre esigenze di benessere ed eleganza.

I lapislazzuli, originari dell’Afghanistan, sono contraddistinti dal tipico colore azzurro intenso da cui deriva il nome. La loro particolarità è la somiglianza con lo Zaffiro degli antichi. La malachite, originaria del Congo, è tra i minerali più conosciuti e tra i più citati nelle leggende. Prende il nome dal greco Malàchee, che significa malva, per il tipico colore verde che varia dal tenue ad una gradazione più intensa e brillante, sino ad arrivare al nerastro. È uno dei minerali più noti come materiale decorativo. La rodocrosite, originaria dell’Argentina, è un minerale fluorescente appartenente al gruppo della calcite, il cui nome deriva dal greco in allusione alla sua tonalità rosea. Il cristallo di rocca, comunemente detto quarzo ialino, è una varietà completamente trasparente di quarzo tipica del centro Africa e del Brasile. È simile per aspetto al vetro e al cristallo. L’occhio di tigre, infine, originario del Sud Africa, è un quarzo dalla colorazione oro e bruno dai tipici riflessi gialli che rendono questo cristallo somigliante agli occhi della tigre. Viene utilizzato principalmente come gemma per la creazione di gioielli.

Cinque pietre e cinque metalli creano una perfetta armonia per un mondo bagno davvero esclusivo. Stone Collection, il giusto equilibrio tra qualità, lusso ed eleganza per il vostro bagno firmato Giulini.

Hansgrohe e il suo Shower Tablet. Getto d’acqua? Tutto sotto controllo!

Vi presentiamo una panoramica completa del termostatico esterno e interno per doccia e per vasca, ShowerTablet Select 300, progettato da Hansgrohe.

Gli Studi antropologici dimostrano che esistono diversi tipi di doccia

In uno studio portato avanti da diversi antropologi sul sistema-doccia e,  soprattutto, nel proprio laboratorio di ricerca getti, Hansgrohe ha scoperto che i clienti hanno idee diverse circa il modo di godersi la doccia. Queste opinioni così differenti, che corrispondono ad altrettante esigenze personali diversificate, è stato sistematizzato e tradotto in vari tipi di getto che asseconda le più svariate necessità. Grazie a queste conoscenze Hansgrohe è capace di consigliare ad ogni cliente i propri prodotti doccia, adattandoli alle specifiche esigenze di ciascuno.

ShowerTablet Select 300: la nuova generazione di termostatici

La nuova generazione di termostatici ideati da Hansgrohe controlla l’acqua con un semplice tasto e offre un’ampia superficie d’appoggio, funzionale, per montaggio esterno provvisto di pulsante. Hansgrohe applica la sua innovativa tecnologia, aggiungendo dei pulsanti al suo termostatico per montaggio esterno. L’idea che pone quest’azienda alla base del progetto è davvero semplice. Si tratta, infatti di un termostatico sul quale basta premere le manopole (anziché ruotarle) e il suo utilizzo diviene più facile e funzionale. Questo ulteriore comfort non rappresenta solo un vantaggio per i bambini ma anche per gli anziani e i disabili. È un sistema comodo e intuitivo, che piace a tutti, proprio perché è molto semplice.

                                           download (3)           download (1)

Comandi intuitivi: la semplicità alla base del controllo

Tutti gli elementi di comando del ShowerTablet Select 300 sono collocati comodamente sul lato anteriore. Grandi simboli e composizione colorata semplificano ulteriormente la gestione dell’apparecchio. La temperatura desiderata viene scelta dal fruitore e controllata grazie ai pulsanti posizionati sul davanti per mezzo della manopola di regolazione ergonomica. Con il ripiano in vetro largo 300 millimetri il termostatico multifunzione dispone di un ampio spazio per riporre comodamente tutto il necessario da doccia. Inoltre, lo ShowerTablet Select 300  è adattabile a tutti i set doccia presenti sul mercato.

                           download (4)              images

Montaggio semplice e veloce: più comfort per lo specialista

Il nuovo ShowerTablet Select non è solo comodo per i suoi fruitori, lo è anche per gli specialisti che entreranno a casa vostra per montare l’apparecchio. Può essere installato in modo rapido e sicuro perché è facilmente adattabile ai raccordi d’acqua già esistenti a casa vostra,  si risparmia tempo prezioso grazie al montaggio tramite il collegamento a spina, si evitano graffiature sul corpo, perché il collegamento a vite avviene attraverso il fondo del corpo, quindi l’accesso è facilitato per la manutenzione di cartuccia, filtro e valvole antiriflusso.

Con il sistema Select accedere al tuo getto preferito adesso è più pratico anche per il termostatico esterno ShowerTablet 300.  Il nuovo pulsante per l’attivazione della doccia non è l’unico a trovarsi, con accessibilità diretta, sul lato anteriore, ma vi compaiono anche tutti gli elementi di comando, fra i quali l’ergonomica manopola per l’esatta regolazione della temperatura. In tal modo il funzionamento è talmente intuitivo che potrete abbandonarvi completamente al piacere della doccia. Il pratico ripiano di appoggio rende superflua l’applicazione di una mensola.

Adesso tocca a voi scegliere: vasca o doccia?

Il set esterno ShowerTablet Select 300 lascia a voi la scelta: desiderate godervi il puro piacere della doccia nella vasca oppure sotto la doccia? Non importa cosa deciderete di fare, una cosa è comunque sicura: la funzione del termostatico è quella di mantenere sempre costante la temperatura dell’acqua e di prevenire sgradevoli choc termici. Tra l’altro non va assolutamente dimenticato che in caso di ristrutturazioni, il termostatico si adatta agli attacchi dell’acqua già predisposti, pertanto si monta velocemente e facilmente, senza dover demolire parte del muro. A vostra discrezione potrete abbinare al ShowerTablet 300 i set doccia Hansgrohe con asta e doccetta.

Adesso tutto è pronto per godervi un meraviglioso e sicuro momento di piacere sotto la doccia.

Lavabi e stile d’arredamento: ecco come fare la scelta giusta

I lavabi ormai vengono prodotti in ogni forma: dalla più classica alla più moderna, dalle forme più tradizionali a quelli più innovative. La funzionalità non manca, ma spesso abbiamo bisogno di un certo tipo di prodotto che possa  abbinarsi al nostro arredamento ed alla nostra personalità. Scopriamo insieme ogni stile disponibile sul mercato e come fare la scelta giusta per il tuo bagno.

lavabi

Su MvCeramiche puoi trovare un’ampia varietà di opzioni per quanto riguarda i materiali, l’arredamento del bagno, i sanitari ed i lavabi. Non avrai difficoltà, in quanto le sezioni sono ben suddivise e potrai collegarti direttamente a ciò di cui hai bisogno.

Ad ogni modo, per scegliere tra i lavabi in base ai propri gusti, può essere molto utile avere una conoscenza base di ogni stile esistente, ma soprattutto dei più quotati. Quali sono e quali possono essere i più adatti al tuo bagno?

I lavabi possono essere creati in vari materiali e possono avere un design completamente diverso l’uno dall’altro.

Per prima cosa sappi che le soluzioni migliori e più diffuse, sono quelle che consistono nella scelta di un classico in porcellana, o del vetro che dà l’idea di lusso. Perciò questi sono i materiali di partenza e per i quali consigliamo di optare.

Inoltre, per scegliere il giusto lavandino, dovrai anche considerare i vari design dei lavabi, in modo da capire quale stile potrà adattarsi meglio alla tua personale stanza da bagno. In base a questo, ti ricordo che questa parte della casa è molto importante e che ci passerai molto tempo. Quindi, prima di comprarne uno ad occhi chiusi e solo perché è un “semplice lavandino”, ti consiglio di prendere in considerazione il maggior numero possibile di opzioni disponibili, per portare nel tuo ambiente casalingo un qualcosa che ti piace davvero.

Uno degli stili più comuni ed economici per i lavabi del bagno, lo conosciamo: si tratta di quelli semplici di porcellana che hanno una forma classica e scendono fino al pavimento.

Se vuoi allontanarti dalla scelta tradizionale e basica, sappi che esistono i lavabi a colonna in diverse forme e materiali. Poi potrai trovare quelli sospesi, quelli con il mobile che li incorpora, quelli trasparenti o in metallo… La scelta è davvero ampia e lo stile varia dando più possibilità e diversi design anche per i modelli similari.

Tuttavia, se cerchi dei lavabi particolari, il consiglio è di optare per quelli in rame anticato. Altrimenti sono disponibili i modelli vintage, che rievocano il passato, ma senza sembrare né classici, né tradizionali. Per chi cerca qualcosa di moderno ma non vuole puntare al vetro, il massimo della scelta solitamente risiede nei lavabi in acciaio o in quelli in granito, che possiamo trovare in varie forme, e quindi non solamente nelle classiche linee ovali.

Su MvCeramiche potrai trovare qualsiasi stile e qualsiasi materiale. In base a quello che hai letto dovresti esserti fatto un’idea su ciò che è possibile inserire nel tuo bagno. Questo potrà sicuramente semplificare la tua ricerca  e ti aiuterà a prendere la decisione migliori riguardo allo stile che vuoi adottare per il rimodellamento o rinnovamento del tuo bagno.

Quando il vostro bagno diventa vintage

Vi piacerebbe realizzare un bagno vintage? Dopo anni di acciaio e linee sempre più moderne, tornano in auge la solidità classica e la bellezza dell’arredo di una sala da bagno perfettamente retrò.

Insomma, il vintage, il retrò e gli anni ‘70 stanno tornando prepotentemente di moda …

Gli accessori e i mobili da bagno vengono così rielaborati e reinterpretati. L’arredo vintage è caratterizzato da mobili unici, risultati dall’unione di elementi d’arredo risalenti agli anni ‘30, ‘40, ‘50, ‘60 e ‘70. Lo stile si evince già dalle linee forti ma essenziali dei sanitari.

C’è da dire che, le aziende del settore, forniscono soluzioni perfettamente in linea con lo stile retrò ma, allo stesso tempo, all’ avanguardiaall’insegna del confort, perciò possiamo trovare in commercio, prodotti per arredare il bagno dalle caratteristiche vintage, dotati di tecnologie moderne …

Vi presentiamo, di seguito, alcune idee per decorare il vostro bagno in stile vintage. Si tratta, in ogni caso, di materiali e sanitari moderni, concepiti secondo un’estetica retrò. A questo proposito, diverse possibilità per realizzare un bagno dallo stile così ricercato sono offerte dalla collezione Vintage di Regia.

Scopriamo insieme tutte le possibilità per imprimere un look classico al vostro bagno partendo proprio dalla scelta dei sanitari.

La vasca da bagno, per esempio, non è più incassata, le dimensioni del lavabo si allargano, presentando così un grande lavabo rettangolare dalle linee solide e affusolate, il richiamo agli ambienti vintage, si rivolgerà verso tinte delicate, neutre e colori pastello, una grande specchiera con cornice lavorata e patinata, come un quadro d’epoca che metterà in risalto il lavabo a colonna con rubinetterie dal design semplice, con acqua calda e fredda separate. Le piastrelle prediligono tinte neutre dai colori pastello oppure bianche, invece, riguardo colori e materiali utilizzati per i sanitari, la collezione Vintage presenta tinte decise e assolute come il rosso, il tortora e il nero abbinati al bianco. Anche la scelta dei dettagli fa la differenza..ecco perché orientarsi sulla realizzazione di superfici lucide, all’applicazione di maniglie gioiello illuminate da cristalli e da specchi preziosi con decori lineari attorno alla cornice, che ricordano le atmosfere di certi film hollywoodiani degli anni’40.

  download (1)   images     images (1)

Questi sono solo alcuni degli elementi che formavano parte di questi ambienti nella prima metà del XX secolo.

Con questa nuova collezione Regia vuole rompere, con le forme e i colori, l’omogeneità della moda contemporanea; l’intenzione è quella di creare un bagno che si rifà ad alcune precise tendenze degli anni passati per dare una nuova interpretazione della moda del futuro.

Nella collezione Vintage ogni dettaglio rivela una ricerca attenta per l’equilibrio delle forme e un concetto del bagno come spazio che esce dai canoni tradizionali per diventare uno spazio unico della casa.

   images (2)   images (3)  download

Infine un tocco tutto personale può essere sempre aggiunto come, per esempio, un catino sovrastante il lavabo che potrà contenere un bouquet di fiori secchi profumati o servire da portaoggetti, rigorosamente vintage.  Anche la biancheria da bagno avrà una notevole importanza, staranno benissimo teli da bagno rubati alla dote della nonna e in prezioso tessuto di lino, teli con cifre personali o con merletti di pizzo macramè ai bordi; un mobiletto toeletta, dedicato al trucco, con tanto di poltroncina, farà felici le appassionate per il make-up. Se non si vuole applicare la tappezzeria sui muri, altra caratteristica dei bagni antichi, ci sono in commercio alcune tipologie di piastrelle che imitano la trama dei tessuti.